Il progetto Pavener è già in fase di sperimentazione. Si tratta di un progetto che due aziende spagnole stanno testando: l’idea è quella di creare energia attraverso il manto stradale. Come? Utilizzando il calore. Il progetto Pavener è un sistema che prevede l’accumulo di energia grazie all’integrazione nel manto stradale di un sensore che è in grado di trattenere il calore prodotto dal sole e accumulato dall’asfalto.

Per il suo colore scuro, l’asfalto infatti attrae i raggi solari e anche le auto, con l’attrito provocato dagli pneumatici, aumentano questo accumulo di calore. Tutta questa potenziale energia, verrebbe immagazzinata da strade che, in questo modo produrrebbero elettricità. Energia magari usata per scaldare acqua, oppure rifornire di corrente elettrica le aree di sosta, parcheggi, aeroporti o di aree urbane. L’estate, così, le strade diverrebbero estremamente produttive, mentre d’inverno ci sarebbe un incremento della sicurezza degli autisti. La nascita delle lastre di ghiaccio (molto pericolose e imprevedibili), si creano proprio a causa della differenza di temperatura tra l’asfalto che trasuda calore e la temperatura esterna. Insomma, il progetto ci sembra molto convincente e soprattutto eco-friendly. Speriamo che i test siano positivi e che a breve potremo percorrere autostrade che ci fanno risparmiare.

(Fonte: repubblica.it)